S.P.Q.R.
COMUNE DI ROMA
MUNICIPIO ROMA VII 

CONSIGLIO DEL 27 NOVEMBRE 2001

RISOLUZIONE N. 28
Carenza di Organico del Personale Ausiliario (OSSE) negli Istituti Per l'Infanzia (Scuole Materne) del Municipio Roma VII.

Premesso
        Che il Dipartimento I – Personale ha a suo tempo disposto il trasferimento di n. 17 OSSE da questo Municipio;

Atteso che
        la Direzione del Municipio stesso ha provveduto alla ridistribuzione (mediante cosiddetto “azzeramento”) del restante personale ausiliario (n. 89 addetti) sia negli Asili Nido che nelle Scuole Materne, dando facoltà di scelta in primo luogo ai lavoratori che usufruiscono della Legge 104 e proseguendo poi in ordine all'anzianità di servizio, dando priorità alla copertura agli Asili Nido;

Considerato
        Che il numero di addetti da assegnare agli Asili Nido di questo Municipio è definito, per Legge, in n. 60 Unità lavorative;

Considerato altresì
        Che nell'ambito dei 29 OSSE restanti – assegnati alle Scuole Materne – n. 6 godono delle prerogative derivanti dall'essere delegati sindacali; n. 9 sono fruitori di “Legge 104”; n. 1 possiede entrambi i precedenti requisiti;

Tenuto conto
        Che sia la delega sindacale, sia la Legge 104 comportano la possibilità per i lavoratori interessati di assentarsi giustificatamene dal posto di lavoro;

Assunto che
        L'Organico di OSSE assegnato alle Scuole Materne (le suddette 29 unità), riesce a garantire solo in modo precario la copertura del Servizio anche nel caso di contemporanea presenza di tutti gli addetti;

Visto
        Che nella giornata di lunedì 29 Ottobre u.s., diversi genitori con i relativi figli, iscritti all'Istituto “M. Polo – Tenore” hanno rappresentato al Presidente del Municipio il proprio disagio e la propria protesta in quanto la contemporanea assenza (per malattia) di n. 3 OSSE (tutti rappresentanti sindacali) e l'entrata posticipata in servizio del quarto addetto (tra l'altro anch'esso fruitore delle agevolazioni della Legge 104) avevano pregiudicato la fruizione del Servizio nonché arrecato nocumento allo svolgimento del proprio lavoro;
In previsione di verosimili e frequenti episodi analoghi, stante quanto sopra rappresentato

IL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO
RISOLVE

Di impegnare gli Assessori Comunali competenti per materia a reintegrare con la massima urgenza un numero di addetti adeguato allo svolgimento sicuro e fisiologico del Servizio di cui trattasi. Trattandosi di vigilanza su minori le relative inadempienze potrebbero ravvisarsi quali responsabilità non solo di natura amministrativa.

        Approvata all'unanimità.