S.P.Q.R.
COMUNE DI ROMA
MUNICIPIO ROMA VII 

CONSIGLIO DEL 15 APRILE 2002

RISOLUZIONE N. 14
Acquedotto Alessandrino

Premesso
        Che l'acquedotto Alessandrino costituisce il monumento dell'antichità di maggiore rilevanza storica di tutto il territorio del Municipio Roma VII;
        Che fu edificato nel III secolo dall'Imperatore Alessandro Severo, andato in rovina nel corso del tempo, fu successivamente ricostruito da Papa Sisto V° che ne ribattezzò l'acqua, da Alessandrina a Felice (dal suo nome di battesimo: Peretti Felice);
        Che durante la guerra e fino agli anni 50, le sue arcate furono utilizzate dai senzatetto per ricavarne precari alloggi abusivi;
        Che successivamente, a seguito della sistemazione dei precari in alloggi popolari e della demolizione di tutti i manufatti, sembrava che il monumento potesse recuperare la propria dignità architettonica, retaggio d'antiche e prestigiose funzionali costruzioni;
Considerato
        Che esigenze d'opere stradali prima ed incuria delle Istituzioni poi, fecero decadere e compromettere la stabilità di gran parte dell'Acquedotto, tanto che anni fa si ricorse ad una recinzione della parte più esposta al pericolo di crolli, al fine di evitare rischi per i passanti;
        Che l'episodio di cui trattasi sollevò scalpore, determinando una riprovevole pantomima di reciproche accuse e trasferimenti di responsabilità, tra il Comune e il Ministero Beni Culturali, suscitando un notevole interesse della stampa e d'altri mezzi di comunicazione, tanto da far ritenere imminente un intervento di consolidamento e restauro;
        Che a tutt'oggi, sono purtroppo trascorsi molti anni, senza che sia stata intrapresa alcuna iniziativa a tutela del bene pubblico;
        Che la vicenda potrebbe correre il rischio d'essere sepolta nel dimenticatoio della burocrazia, per la trascuratezza dimostrata dagli amministratori responsabili di fronte al disfacimento di un prezioso documento dell'architettura romana;
        Che è necessario impegnare la Commissione Scuola ad inserire, nell'agenda dei propri lavori, la discussione e l'invito a tutte le scuole del territorio, a voler ripetere l'esperienza “La scuola adotta un monumento”
Visto
        Il parere favorevole della Giunta espresso nella seduta del 26 Marzo 2002;
        Il parere della Commissione LL.PP. espresso nella seduta dell' 8 Aprile 2002

IL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO
RISOLVE

Di chiedere al Presidente del Municipio un immediato e forte impegno presso gli Enti preposti, per un intervento risanatore e di tutela dell'Acquedotto Alessandrino.
D'inoltrare la presente risoluzione a tutte le forze politiche istituzionali di Regione, Provincia e Comune.

        Approvata all'unanimità nel suo testo emendato.