S.P.Q.R.
COMUNE DI ROMA
MUNICIPIO ROMA VII

CONSIGLIO DEL 21 MARZO 2003

RISOLUZIONE N. 8
“Primavera dei bambini”

Premesso
Che il Municipio Roma VII ha promosso, tramite il Fondo Nazionale per l'Infanzia e l'Adolescenza, due campagne di sensibilizzazione e promozione dei diritti dell'infanzia e adolescenza realizzate dall'Associazione di volontariato ARLAF;
Considerato
che è necessario continuare a sostenere e promuovere l'attenzione costante ai diritti di cittadinanza sociale dell'infanzia e dell'adolescenza attraverso azioni che richiamino la comunità, intesa come comunità educante, alle sue responsabilità in merito ai diritti dei minori e al miglioramento delle loro condizioni di vita;
Che porre le basi di una nuova cultura dell'infanzia significa innanzitutto coinvolgere i bambini e gli adolescenti affinché acquisiscano consapevolezza dei propri diritti attraverso il gioco, la riflessione e l'elaborazione, la partecipazione;

Vista
la convenzione Internazionale sui diritti dell'infanzia approvata dall'ONU nel 1989 e ratificata dall'Italia nel 1991;
la Legge 285/97 “Disposizioni per la promozione di diritti ed opportunità per l'infanzia e l'adolescenza”
il II Piano Nazionale di azioni ed interventi per la tutela dei diritti e lo sviluppo dei soggetti in età evolutiva;
la Deliberazione del Consiglio Circoscrizionale n. 9 del 23 Marzo 2001

IL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO ROMA VII

Risolve

  1. di istituire la manifestazione “Primavera dei bambini” che si terrà ogni anno il 21 Marzo al fine di richiamare l'attenzione della comunità sui diritti dei minori;
  2. di dar mandato alla Commissione Scuola Sport e Cultura e alla Commissione Servizi Sociali di promuovere iniziative di ascolto e partecipazione dei bambini, delle bambine e degli adolescenti sui temi che li coinvolgono, attraverso la realizzazione di attività nelle scuole e nei centri di aggregazione.
  3. di favorire così come previsto dell'art. 6 del Regolamento del Municipio Roma VII, l'istituzione del Consiglio delle ragazze e dei ragazzi all'interno del Municipio, permettendo ai medesimi una concreta partecipazione alla vita politica istituzionale del territorio.

Approvata all'unanimità.