S.P.Q.R.
COMUNE DI ROMA
MUNICIPIO ROMA VII

CONSIGLIO DEL 3 FEBBRAIO 2004

ORDINE DEL GIORNO N. 6

Problematiche T.A.V.

Premesso
        Che il territorio del Municipio Roma VII nel corso degli ultimi anni è stato pesantemente interessato dalla presenza di cantieri per la costruzione della linea ferroviaria ad Alta Velocità Roma-Napoli.
        Che il Municipio nel corso delle due ultime consigliature ha ricoperto e continua a ricoprire un importante ruolo, da più parti riconosciuto, nel delicato compito di interfaccia tra le aziende che realizzano l'opera ed i cittadini residenti in zone limitrofe ai cantieri, più volte sfogato in manifestazioni di piazza, in particolar modo istituendo una apposita commissione Consigliare;
        Che il Municipio Roma VII è riuscito ad ottenere, in un complicato ruolo di vera e propria contrattazione, una serie di importanti opere stradali a parziale compensazione del disagio che tutti i cittadini dei quartieri attraversati dalla linea ferroviaria stanno subendo;

Considerato
        Che il proprio grazie al ruolo di mediazione svolto dal Municipio, dopo anni di continui ritardi i lavori per la realizzazione dell'infrastruttura procedono speditamente, mentre continuano a verificarsi gravi ritardi nella realizzazione delle opere compensative;
        Che ad oggi molti cittadini frontisti non hanno ancora concluso, spesso per mancanza di volontà della controparte (TAV-ITALFER), la fase di indennizzo del disagio provocato dal cantiere (rumori, polveri), ed allo stesso tempo stanno subendo lavori in orario notturno, anche in piena estate;
        Che contrariamente a quanto concordato tra questo Municipio ed Italfer, il Dipartimento VII ha derogato la prescrizione al passaggio dei camion solo su piste di cantiere, trasformando di fatto le vie dei quartieri in vere e proprie mulattiere, polverose o fangose a seconda della stagione;

Tenuto conto
        Che la proposta di Deliberazione sottoposta all'attenzione di questo Consiglio di Municipio di fatto accentra tutte le competenze all'Ufficio “Romaferro” appositamente creato, togliendo al Municipio ogni possibilità di controllo, ignorando e sminuendo l'importante mole di lavoro sino ad ora svolta;
        Che nella complessa fase di rilocalizzazione di un gruppo di cittadini frontisti alla linea, che hanno ottenuto il passaggio casa per casa rifiutando una equivalente contropartita economica, il comune di Roma ha modificato la destinazione d'uso di un lotto di terreno onde consentire l'edificazione delle nuove residenze loro destinate;
        Che in questo ambito la stessa Amministrazione comunale si è riservata una cospicua quota di cubatura per future edificazioni;

Per quanto sinora premesso

IL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO

Chiede al Sindaco ed al Consiglio Comunale un impegno concreto per far si che il Municipio Roma VII possa continuare a svolgere il ruolo di monitoraggio sia per le questioni legate ai cittadini frontisti ancora insolute, sia per quel che riguarda le opere pubbliche compensative, inserendo un rappresentante del Municipio e dei Comitati dei Cittadini nel Comitato di monitoraggio costituito presso il VII Dipartimento - Ufficio Romaferro, ogni qualvolta vengano trattate problematiche inerenti questo Municipio.

Chiede altresì un impegno diretto del Sindaco di sollecito nei confronti di TAV ed ITALFER, finalizzato alla chiusura di tutte le questioni legate agli indennizzi ai cittadini frontisti ancora insolute;
Chiede infine un impegno dell'Amministrazione comunale, in particolar modo dell'Assessorato all'Urbanistica del Comune di Roma ad individuare celermente un percorso tecnico – amministrativo che consenta l'utilizzo della cubatura residua di cui nelle premesse per riallocare cittadini frontisti in particolari situazioni di disagio.

        Procedutosi alla votazione, per alzata di mano, il Presidente, assistito dagli scrutatori, Berchicci Armilla, Volpicelli Felice, Curi Gaetano, dichiara che l'Ordine del Giorno risulta approvato all'unanimità.
        Hanno partecipato alla votazione i seguenti Consiglieri:
Berchicci Armilla, Casella Candido, Conte Lucio, Curi Gaetano, Fabbroni Alfredo, Galli Leonardo, Ippoliti Tommaso, Liberotti Giuseppe, Marinucci Cesare, Migliore Gabriele, Orlandi Antonio, Scalia Sergio, Tassone Giuseppe, Tozzi Stefano, Volpicelli Felice.