S.P.Q.R.
COMUNE DI ROMA
MUNICIPIO ROMA VII


CONSIGLIO DEL 28 LUGLIO 2005

ORDINE DEL GIORNO N. 16

Adesione alla campagna CONTROL ARMS.

Premesso
        
Che questo Municipio ha approvato un Ordine del Giorno in data 7 Giugno 2005 “Per una finanza etica e solidale”;
        che la diffusione incontrollata degli armamenti, soprattutto di quelli leggeri, costituisce un pericolo per la sicurezza nel mondo e che la mancanza di controlli legislativi internazionali sul commercio e sui trasferimenti dei sistemi d'arma contribuisce ad accrescere conflitti, povertÓ, abusi dei diritti umani tali da determinare ogni anno pi¨ di mezzo milione di morti;
        che la recente Relazione governativa della legge 185/90 indica l'Italia come uno dei protagonisti del commercio di armi, essendo il nostro Paese il settimo esportatore mondiale di armamenti ad uso miliare e il quarto produttore e secondo esportatore mondiali di armi leggere;

Considerato
        
Che la Rete Italiana per il Disarmo, realtÓ che comprende oltre trenta organizzazioni nazionali, promuove in Italia la Campagna Internazionale CONTROL ARMS, per il controllo delle esportazioni di armamenti, campagna che Ŕ stata lanciata nel 2003 da Amnesty International, Oxfam e Iansa (international Action Network on Small Arms) ed Ŕ sostenuta da venti premi Nobel per la Pace;
        Che la Rete Italiana per il Disarmo, nell'ambito della campagna CONTROL ARMS, intende promuovere il “Trattato internazionale sul Commercio delle Armi” da adottarsi entro il 2006;
        che, nel caso dell'Italia, Ŕ necessaria un'effettiva e rigorosa applicazione della legge 185/90 sull'esportazione di sistemi d'arma ad uso militare, e che Ŕ urgente una legislazione in materia di esportazione delle cosiddette “armi leggere” ad “uso civile e sportivo” ed una legislazione specifica per il controllo degli intermediari di armi (brokers) che operano sul suolo nazionale;
        Che nel contesto di tale campagna lo strumento principale per diffondere l'obiettivo del “Trattato Internazionale sul Commercio degli Armamenti” Ŕ la foto – petizione come modalitÓ di mobilitazione per raccogliere un milione di volti entro luglio 2006 da presentare in una galleria di immagini in occasione della II Conferenza dell'ONU sui traffici illeciti di armi leggere;

IL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO

Invita il Presidente a rappresentare al Sindaco
l'adesione all'iniziativa della foto– petizione come strumento e occasione di coinvolgimento e partecipazione alla suddetta campagna e una divulgazione del materiale a sostegno dell' ordine del giorno n. 11 approvato dal Consiglio Municipale in data 7 Giugno 2005 avente ad oggetto “Per una finanza etica e solidale”


Approvato all'unanimitÓ con 3 astenuti (Mercuri Aldo, Ippoliti Tommaso e Flamini Patrizio)