S.P.Q.R.
COMUNE DI ROMA
MUNICIPIO ROMA VII

CONSIGLIO DEL 24 NOVEMBRE 2006

ORDINE DEL GIORNO N. 18

Campagna contro la fame nel mondo condotta dalla FAO”

Premesso
Che il 16 Ottobre u.s., nella sala plenaria della Sede Centrale della FAO, ubicata in Viale delle Terme di Caracalla, ha avuto luogo la celebrazione della Giornata Mondiale dell'Alimentazione 2006, con il titolo “Investire nell'agricoltura per la sicurezza alimentare”, alla presenza degli Ambasciatori di circa 190 nazioni accreditate, del Direttore Generale della FAO, Dott. Jaques Diouf, ed il Ministro delle Politiche Agricole Paolo De Castro;

Considerato
Che quello dell'accesso al cibo, nel mondo, è un problema di drammatica attualità, che riguarda più di 850 milioni di uomini, donne e bambini, che soffrono di malnutrizione cronica, o di fame, di cui 815 nei paesi privi di sviluppo, 28 in quelli in via di sviluppo e 9 nei paesi industrializzati, causando la morte di circa 6 milioni di bambini ogni anno. In Africa 11 milioni di bambini non raggiungono i cinque anni di età. Di questi la gran parte vivono “in zone rurali”, ma ciò nonostante negli ultimi vent'anni le risorse destinate agli aiuti all'agricoltura sono diminuiti del 50%;

Che la riduzione della fame dovrebbe diventare la forza trainante ed il motore del progresso e della speranza nei paesi in via di sviluppo, perché una migliore alimentazione è alla base di migliori condizioni di salute, fa aumentare la frequenza scolastica, riduce la mortalità infantile e materna, abbassa l'incidenza ed i tassi di mortalità da HIV-AIDS, da malaria e da tubercolosi.

Che l'attività internazionale della FAO, progettata e coordinata nella sede centrale di Roma, è orientata a ridurre e rimuovere, laddove possibile, le inaccettabili disuguaglianze presenti tra il nord ed il sud del mondo, oltre che a promuovere la cultura della sicurezza alimentare.

Considerato altresì
Che il Municipio ha tra le sue peculiarità, quella di ospitare all'interno del proprio territorio numerose comunità straniere;
Posto che una prima soluzione per attenuare il grave problema della fame nel mondo potrebbe essere quella di adottare, previo accordo con la FAO, dei progetti mirati con coinvolgimento delle scuole, delle Associazioni culturali e sportive del Municipio;

Vista l'importanza crescente della cooperazione decentrata;

Visto il parere favorevole della IV Commissione espresso nella seduta del 23 Ottobre 2006;

Tutto ciò premesso
IL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO ROMA VII

impegna il Presidente del Municipio Roma VII, la Giunta e gli Assessori competenti, a partecipare alla campagna contro la fame nel mondo condotta dalla FAO.
Impegna, altresì, il Presidente del Municipio a sottoscrivere un protocollo d'intesa con la FAO che in un ambito di collaborazione istituzionale abbia tra i suoi obiettivi quello di promuovere sul territorio del Municipio, coinvolgendo le scuole, le associazioni culturali e sportive, le seguenti campagne della FAO:

La Giornata mondiale dell'alimentazione La Giornata Mondiale dell'alimentazione (GMA) è stata istituita dai paesi membri della FAO nel novembre 1979, in occasione della XX Sessione della Conferenza dell'Organizzazione. La data prescelta – il 16 Ottobre – è l'anniversario della fondazione della FAO. La GMA vuole ricordare a tutti la continua ricerca da parte della FAO di una soluzione a lungo termine del problema della fame e della povertà nel mondo. La GMA è stata istituita affinché “il cibo per tutti” diventi un diritto sia per la presente generazione che per quelle che verranno. Gli obiettivi della GMA sono i seguenti: sensibilizzare l'opinione pubblica sul problema della fame nel mondo; promuovere il trasferimento di conoscenze tecniche al Terzo Mondo; rafforzare la solidarietà internazionale e nazionale nella lotta contro la fame, la malnutrizione e la povertà, ed attirare l'attenzione sui risultati ottenuti nello sviluppo alimentare ed agricolo.

La Campagna TeleFood L'accresciuta consapevolezza del problema della fame mobilita le energie per trovare una soluzione. Nel 1997 la FAO ha lanciato TeleFood, una campagna di concerti, eventi sportivi ed altri spettacoli che utilizza il potere dei media, delle celebrità e dei cittadini coinvolti per aiutare a combattere la fame. Dall'inizio, la campagna ha raccolto quasi 19 milioni di dollari in contributi. Il denaro ricavato attraverso TeleFood ha finanziato 2137 progetti in 127 paesi. Questi piccoli progetti sostenibili aiutano gli agricoltori su piccola scala a produrre più cibo per le proprie famiglie e comunità.

Il Programma degli Ambasciatori di buona volontà della FAO Molte celebrità con il loro talento e influenza, si sono unite alla FAO nella campagna per debellare la fame nel mondo. La nomina degli Ambasciatori della FAO li ha impegnati personalmente e professionalmente a dedicarsi ai problemi universali dell'umanità a sostegno della missione della FAO: costruire un mondo vi sia sicurezza alimentare per le generazioni presenti e future. Il programma degli Ambasciatori della FAO è iniziato nel 1999. Lo scopo principale del programma è di attirare l'attenzione del pubblico e dei mezzi di comunicazione sull'inaccettabile situazione di circa 850 milioni di persone che continuano a soffrire di fame cronica di malnutrizione in un momento di abbondanza senza precedenti. Queste persone conducono una vita di miseria e non godono del più fondamentale diritto dell'essere umano: il diritto al cibo.

Programma Speciale per la Sicurezza Alimentare (PSSA) Il Programma Speciale per la Sicurezza Alimentare (PSSA), lanciato nel 1994, è stato ulteriormente rinforzato, esteso e ne è stata accelerata l'attuazione dopo il Vertice Mondiale sull'Alimentazione del 1996. L'obiettivo principale del PSSA è di aiutare i paesi in via di sviluppo, ed in particolare i Paesi a Basso Reddito e a Deficit Alimentare, a migliorare la sicurezza alimentare sia a livello famigliare che nazionale attraverso una crescita della produttività e della produzione alimentare, riducendo in modo economicamente ed ecologicamente sostenibile la variabilità della produzione da un anno all'altro e facilitando l'accesso al cibo della popolazione. L'Italia occupa un posto importante nel PSSA.

Nella maggior parte dei 82 paesi a basso reddito e a deficit alimentare esiste la possibilità di migliorare la produzione e la disponibilità alimentare in modo sostenibile ma, a causa di numerosi impedimenti, le popolazioni rurali non possono rispondere ai loro bisogni ed approfittare delle opportunità. Lavorando con gli agricoltori e le altre parti in causa all'identificazione e alla risoluzione di tali vincoli siano questi di natura tecnica, economica, sociale, istituzionale o politica, e mostrando concretamente sul campo mezzi pratici per aumentare la produzione, il PSSA contribuisce a migliorare la produttività agricola, facilitando l'accesso al cibo di un maggior numero di persone.

Alla data di oggi gli Ambasciatori di buona volontà sono:

Magida Al Roumi, cantante; Roberto Baggio, calciatore; Dee Dee Bridgewater, cantante; Albano Carrisi, cantante; Beatrice Faumuina; Debbie Farguson, atleta olimpionica; Carla Fracci; Gilberto Gil, cantante; Raul Gonzalez; Nazionale Italiana Cantanti; Mori Kantè, cantante; Ronan Keating, cantante; Khaled, musicista; Gong Li, attrice; Gina Lollobrigida, attrice; Miriam Makeba, cantante; Manà, band di rock latino; Rita Levi Montalcini, Premio Nobel; Youssou N'Dour, cantante; Noa, cantante; Justin Pasek, ex Miss Universo; Massimo Ranieri, cantante ed attore; Oumou Sangarè, cantante; Dionne Warwick, cantante.

Approvato all'unanimità nel suo testo emendato.