S.P.Q.R.
COMUNE DI ROMA
MUNICIPIO ROMA VII

CONSIGLIO DEL 9 DICEMBRE
2008

RISOLUZIONE N. 23

Acquedotto Alessandrino.

Premesso
        
Che nel nostro territorio persiste per un lungo tratto l'Acquedotto Alessandrino costruito nel III secolo per volontà dell'Imperatore Alessandro Severo;
        Che l'Acquedotto assurge alla dignità di opera d'arte in quanto testimonianza del fare umano e della storia;
        Che per il suo indubbio valore storico-artistico tale monumento è sottoposto alla tutela della Sovrintendenza ai beni archeologici;
        Che negli anni del dopoguerra le arcate dell'acquedotto furono utilizzate come alloggi di fortuna dai baraccati;
        Che nella comune accezione di restauro gli interventi su tali monumenti denominati “ruderi” sono volti a mantenere lo status-quo dell'opera garantendone la fruizione, la tutela dagli agenti inquinanti e infestanti come erbacce, muschi e licheni. Interventi che tengono conto dell'area nelle immediate vicinanze del monumento tali da non turbare l'assetto e l'aspetto del monumento storico-artistico;
        che nel corso dell'intervento di restauro avvenuto nell'anno 2005 sono state reintegrate le arcate pericolanti ed è stata effettuata la pulitura dell'intero acquedotto;
Considerato
        Che nel corso di tali interventi è stata apposta una rete che delimitava l'area del cantiere;
        che nelle adiacenze dell'acquedotto è presente una discarica con ogni genere di oggetti di uso comune e scarti di materiale edile;
        che le erbacce in alcuni periodi dell'anno arrivano a coprire e infestare le basi dell'acquedotto sia nel tratto di Via degli Olmi che nel tratto di Via dei Pioppi;
        che sul monumento sono state praticate scritte da parte di vandali;
Visto
        
il parere favorevole espresso dalla VII Commissione nella seduta del 26 novembre 2008;

IL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO
RISOLVE

che venga:

  1. attivato un monitoraggio sulle condizioni di manutenzione dell'acquedotto Alessandrino compreso il tratto di Via dei Pioppi;
  2. ·Si rimuova la rete che era stata apposta durante la fase di cantierizzazione e venga attivata la pulitura dell'area a ridosso del monumento;
  3. ·Venga garantita la pulitura della discarica a cielo aperto che è presente nelle adiacenze del monumento ed il costante taglio delle erbe essendo queste condizioni che pregiudicano la fruibilità dell'acquedotto e la sua stessa vocazione;

Impegna altresì il Presidente e la Giunta del Municipio a farsi portavoce presso la Sovrintendenza ai Beni archeologici e storico-artistici, all'Ufficio del Decoro Urbano e all'Ama di un intervento congiunto per garantire la tutela dell'opera e dell'area.
Si impegna altresì ad attivarsi presso il Dipartimento XII e XIX per portare a compimento il progetto di riqualificazione di via degli Olmi.         

        Approvata all'unanimità nel suo testo emendato