S.P.Q.R.
COMUNE DI ROMA
MUNICIPIO ROMA VII

CONSIGLIO DEL 28 OTTOBRE 2009

RISOLUZIONE N. 33


“Area verde attrezzata sovrastante box Via del Grano”

        Premesso che nel 2002 l'Amministrazione Comunale e la Società SERIT Srl, concessionaria dell'area destinata alla costruzione di box pertinenziali in Via del Grano, hanno stipulato un atto d'obbligo in base all'ex legge 122/89, con cui la stessa Società assumeva l'impegno della manutenzione per 5 anni dell'area sovrastante, utilizzata come giardino pubblico attrezzato;
        Che, dopo una regolare conformità agli impegni per i primi tre anni, nel corso dell'ultimo anno la Società ha installato immotivatamente, comunque in seguito a presentazione della DIA, dei cancelli che hanno interdetto l'accesso ai cittadini e di conseguenza impediscono la fruibilità dello spazio verde;
        Che la Direzione Tecnica del Municipio ha inviato alla Società SERIT il 26 gennaio 2009, prot. n. 5201, una nota con la quale si intimava il ripristino dello stato dei luoghi al fine di consentire l'utilizzo pubblico del giardino attrezzato, così come previsto nell'atto d'obbligo;
        Considerato che la Società non ha realizzato quanto richiesto con la suddetta diffida e pertanto l'area verde rimane indisponibile alla cittadinanza;
        Che nel 2010 scadranno i termini previsti per la concessione dell'intera area e per la manutenzione dello spazio sovrastante i box da parte della SERIT Srl, con conseguente acquisizione del Comune e necessità di prevedere modalità alternative di gestione al fine di garantire una regolare apertura e chiusura del giardino;

        Visto il parere favorevole espresso all'unanimità dalla Commissione Lavori Pubblici nella seduta del 5 Ottobre 2009;
        Visto il parere favorevole espresso all'unanimità dalla Commissione Ambiente e Mobilità nella seduta del 14 Ottobre 2009;

IL CONSIGLIO DEL VII MUNICIPIO

Impegna il Presidente e l'Assessore Competente del Municipio a far predisporre gli interventi necessari affinché la SERIT Srl si conformi nuovamente all'atto d'obbligo del 21 gennaio 2002, così come ribadito nella diffida, eliminando l'interdizione all'accesso del pubblico nel giardino attrezzato e garantendone quindi l'apertura quotidiana.

Impegna, inoltre, il Presidente ed i competenti Assessori del Municipio, in previsione dell'acquisizione dell'area da parte del Comune, a far verificare dall'Ufficio Tecnico l'effettivo stato strutturale dei box, in modo da evitare ulteriori oneri a carico dell'Amministrazione Comunale.

Approvata all'unanimità con 4 astenuti (Rossetti Alfonso, Corsi Emiliano, Paoletti Sergio e Vinzi Lorena).