S.P.Q.R.
COMUNE DI ROMA
MUNICIPIO ROMA VII

CONSIGLIO DEL 4 DICEMBRE 2009

RISOLUZIONE N. 39


Trasferimento del Poliambulatorio ASL RMB di Piazza dei Mirti presso la Scuola media Tommaso Grossi.

Premesso
        Che il Poliambulatorio di Piazza dei Mirti della ASL RM B è da moltissimi anni un riferimento importante per tutti gli abitanti di Centocelle e dei quartieri limitrofi;
        Che nei suoi locali vengono offerti servizi medici specificatamente dedicati a gruppi di popolazioni particolarmente “fragili”, come i bambini, le donne in gravidanza e gli anziani;
        Che molti cittadini, soprattutto donne, hanno già più volte espresso il loro forte disappunto, con civili ma ferme manifestazioni di protesta, per il trasferimento di alcuni servizi, in particolare quelli dedicati alla maternità ed all'infanzia, presso il presidio ASL B di Via delle Resede, fortemente decentrato rispetto alla sede attuale;
        Che la struttura che attualmente ospita la sede ASL in Piazza dei Mirti non è più idonea poiché non risponde più ai requisiti della Legge 81 del 2008 ex Legge 626/94 e non risulta n alcun modo sanabile, già riportato nella Memoria di Giunta del VII Municipio del 17 febbraio 2008, prot. 7836;
        Che il risparmio del canone annuo di affitto del poliambulatorio di Piazza dei Mirti da parte della ASL RM B potrebbe rendere disponibili delle risorse da utilizzare in iniziative o attività mirate alla prevenzione ed alla cura di patologie varie nei confronti dei cittadini della stessa ASL;
        Che nella stessa Memoria di Giunta sopra riportata il VII Municipio si impegnava a mantenere la presenza di un poliambulatorio ASL in una zona limitrofa alla sede di Piazza dei Mirti, per far fronte alle esigenze mediche delle fasce di popolazione più debole ad essa afferenti;
        Che a seguito di tale Memoria di Giunta fu individuata come sede alternativa per la ASL RM B di Piazza dei Mirti, il plesso scolastico ex Tommaso Grossi, sito in Piazza San Felice da Cantalice n. 14 sede della succursale della scuola media statale San Benedetto, visto che era da lungo tempo sottoutilizzato, ospitando per l'anno scolastico 2008/2009 solo tre classi;

Considerato
        Che il Municipio VII, dopo aver consultato la dirigenza scolastica, i dirigenti del 2° Distretto della ASL RMB, il Dipartimento XI e l'Assessorato alle Politiche Educative del Comune di Roma, ha provveduto al trasferimento delle classi della scuola Tommaso Grossi e che allo stato attuale la scuola essendo stata liberata è soggetta a facili occupazioni abusive, visto che già giungono segnalazioni da parte del Dirigente Scolastico di codesto plesso, che ha riferito,nel corso della riunione del 28 ottobre u.s., che di notte alcuni senza tetto dormono nella scuola;
        Che il Consiglio del Municipio si è già espresso con numerosi atti (Mozione n. 2 del 16 febbraio 2007, Risoluzione n. 3 del 22 luglio 2008 e n. 16 del 31 ottobre 2008), per proporre soluzioni affinché i cittadini possano quanto prima usufruire di un poliambulatorio pubblico adeguato alle esigenze sanitarie di tutta la popolazione territoriale;
        Che a tutt'oggi non risulterebbe stata perfezionato il contratto tra Comune di Roma e ASL RMB;
Visto il parere favorevole espresso all'unanimità dalla Commissione Scuola nella seduta del 18 novembre 2009;
Visto il parere favorevole espresso all'unanimità dalla Commissione per le Politiche Sociali nella seduta del 19 novembre 2009;
Visto il parere favorevole espresso all'unanimità dalla Giunta Municipale nella seduta del 25.11.2009;
Tutto ciò premesso e ritenendo quanto sopra di primario pubblico interesse

IL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO
RISOLVE

Di dare mandato al Presidente del Municipio Roma VII e all'Assessore alla Politiche Sociali del Municipio Roma VII di intraprendere tutte le iniziative necessarie presso il Dipartimento III affinché definitivamente venga affidata la scuola Tommaso Grossi alla ASL RMB e poter avviare nel più breve tempo possibile i lavori necessari per la trasformazione della scuola in Presidio Sanitario.


Approvata all'unanimità.